thumbnail_13F6FC1E-EE0D-4D86-8B44-DB705E0384B6

Medicina di Montagna e Sport a Misurina

Il 17 novembre il Direttore Clinico dell’Istituto PIO XII Onlus Ermanno Baldo insieme ai dirigenti e atleti del team ciclistico professionistico Gazprom RusVelo, hanno presentato l’esperienza di collaborazione clinica e sportiva in corso a Misurina presso l’Istituto Pio XII, Centro per lo studio, la cura e la riabilitazione dell’asma.

Il tema è ruolo dell’attività fisica e sportiva nella riabilitazione respiratoria e in particolare nell’asma.

Da questo incontro, fra chi si occupa di riabilitazione respiratoria in altura e chi utilizza la montagna e l’altitudine per l’allenamento nello sport è nato un interesse comune per lo studio degli effetti dell’altitudine e dell’attività sportiva sul respiro, sia negli atleti, che nei bambini e ragazzi  con asma.

L’obiettivo è studiare se un adeguato programma di riabilitazione in altura possa cambiare l’andamento delle malattie respiratorie croniche ed in particolare dell’asma, ottenendo alla fine della crescita un incremento della massima funzionalità respiratoria, che condiziona la salute respiratoria per tutta la vita.

Grazie a questo progetto, che ha visto la collaborazione con il team ciclistico russo Gazprom team ciclistico RusVelo, che è stato presente a Misurina per 10 giorni, alternando i test clinici respiratori all’allenamento in montagna,  si vuole approfondire come l’attività fisica e sportiva in montagna può produrre importanti effetti positivi negli sportivi, ma anche nei soggetti affetti da malattie respiratorie. Per questo vorremmo ampliare il progetto anche ad altri team sportivi, del ciclismo e di altre discipline, per studiare sempre più a fondo il tema dell’ attività sportiva in altura inserita nei programmi di riabilitazione respiratoria, coinvolgendo  in questo lavoro anche la rete dei Centri Pediatrici con cui Misurina collabora, le istituzioni locali (Regione Veneto e ULSS Belluno in primis) e nazionali (ISS, Società scientifiche pediatriche e le Associazioni dei Pazienti).

Leggi il comunicato stampa