Con il caldo l’aria è più “difficile da respirare”. Un problema in più per i bambini con asma

0435 39008 - TELEFONI APERTI LOTTA AL CALDO
Dal 15 luglio fino al 25 agosto sarà attivato “Telefoni aperti Lotta al caldo”, un servizio gratuito accessibile a tutte le famiglie italiane con bambini che soffrono d’asma. Tutti i mercoledì, dalle 9,00 alle 10,00 e dalle 17,00 alle 19,00 al numero 0435.39008, i nostri medici dell’équipe specializzata nella diagnosi, cura e riabilitazione dell’asma infantile in alta quota, risponderanno alle mamme e a chiunque desideri informarsi su come evitare o ridurre il rischio di attacchi d’asma dei loro bambini nel periodo estivo.

Negli ultimi anni si stanno verificando cambiamenti climatici sempre più marcati, che danno luogo a eventi atmosferici non di rado estremi. E la frequenza, intensità, così come la durata di tali eventi estremi continuerà ad aumentare nel prossimo futuro. Secondo un nuovo studio scientifico condotto negli USA, il gran caldo può aggravare i sintomi in chi soffre di disturbi respiratori cronici come l’asma e aumentare il rischio di dover ricorrere al pronto soccorso. E a farne le spese sono soprattutto i più deboli, gli anziani e, ovviamente, i bambini.

Lo studio ha conteggiato gli eventi atmosferici estremi ed esaminato l’associazione tra la frequenza di questi eventi e il rischio di ospedalizzazione per asma nello stato del Maryland durante il periodo 2000-2012, con una particolare attenzione ai periodi estivi. Risultato: l’essere esposti alle ondate di calore estive aumenta in misura notevole il rischio di dover subire un ricovero per difficoltà respiratorie in pazienti che soffrono d’asma. L’aumento del rischio è più marcato nei bambini e negli adolescenti (da 5 a 17 anni di età).

Oltre al gran caldo, i ricercatori del Maryland hanno osservato che anche forti piogge e temporali di grande intensità possono influenzare gli attacchi di asma, facilitando il rilascio di allergeni (pennacchi di spore e polline, soprattutto delle graminacee).

Nei mesi estivi, aumenta la concentrazione di molti importanti inquinanti, come l’ozono troposferico, legati all’infiammazione delle vie aeree e alla riacutizzazione dell’asma. È anche per questo che un periodo di soggiorno a Misurina, – al fresco della montagna, con una dimostrata ridotta concentrazione di allergeni, e l’opera dell’équipe multidisciplinare specializzata dell’Istituto “Pio XII” Onlus, – non è soltanto un sollievo dal gran caldo, per i bambini che soffrono di disturbi del respiro, e in particolare di asma grave, ma una vera e propria terapia.

La temperatura influenza la densità dell’aria, per cui a parità di altezza sul livello del mare un’aria più calda è più densa. – Il miglioramento della respirazione che si ottiene nel paziente asmatico portandolo ad altezze tra i 1500 e i 2500 metri è proprio legato a una minore densità dell’aria, che determina una riduzione delle resistenze respiratorie con miglioramento dell’elasticità polmonare. Ecco perché il soggiorno in alta quota migliora la performance respiratoria: l’aria penetra meglio nei polmoni e più le temperature sono basse minore sarà la sua densità. Un’aria molto calda è anche un’aria molto densa e per tale motivo più ‘difficile da respirare’. È naturale che tale difficoltà si amplifichi nel bambino asmatico, che già soffre di un’alterata elasticità polmonare basale”. Dr. Alfredo Boccaccino.

 

Campus for Breathing

Campus-for-breathe-per-sito72Al fresco del lago di Misurina, l’Istituto “Pio XII” Onlus organizza i “Campus for Breathing“, week-end per famiglie e bambini con asma, per imparare a respirare, senza dover combattere il caldo. L’offerta comprende visite mediche, corsio educativo-informativi, laboratori a tema, passeggiate o “giochi di movimento” per i bambini.

Nuove date disponibili: 26-27-28 Agosto

Per saperne di più: info@misurinasma.it – tel. 0435.39008 (tutti i giorni dalle 08,30 alle 16,30).

Fonti

    1. Soneja S et al. Exposure to extreme heat and precipitation events associated with increased risk of hospitalization for asthma in Maryland, U.S.A. Environ Health. 2016;15:57.
    2. White House. FACT SHEET: What Climate Change Means for Your Health and Family. Office of the Press Secretary, 4 aprile 2016. https://www.whitehouse.gov/the-press-office/2016/04/04/fact-sheet-what-climate-change-means-your-health-and-family