Inquinamento: un soggiorno terapeutico al “Pio XII” può fare la differenza

L’autunno eccezionalmente stabile del 2015, privo di precipitazioni e di venti, è stato un temibile alleato dell’inquinamento atmosferico, specie in Lombardia. Risultato: dall’inizio dell’anno a oggi, con il limite di 50 microgrammi per metro cubo concentrazioni delle polveri sottili PM10 superato per oltre 90 giorni in un anno, Milano guida la classifica delle città più inquinate della Penisola.

QualitaAriaLombardia copiaL’inquinamento dell’aria fa male a tutti, ma i ricercatori sono concordi nel sostenere che, quando aumentano le PM10 le PM2,5 e l’Ozono, a farne le spese sono soprattutto le persone che soffrono d’asma. I sintomi (respiro sibilante, senso di costrizione toracica e mancanza di respiro) peggiorano, aumentano le riacutizzazioni di malattia e cresce il numero dei ricoveri in pronto soccorso, specie dei bambini.

I bambini con asma, infatti, sono particolarmente vulnerabili all’inquinamento atmosferico. Livelli troppo elevati di polveri sottili e di Ozono hanno un impatto negativo sulla salute dei bambini asmatici. In particolare, i medici hanno osservato che tale impatto è stato osservato soprattutto tra i bambini in terapia di mantenimento con corticosteroidi.

In chi soffre di una forma di asma difficile da trattare, proprio a causa di fattori come l’inquinamento e l’esposizione continua agli allergeni, la malattia diventa più difficile da trattare: nonostante dosi sempre più elevate di farmaci, non si riesce a controllare i sintomi, con conseguenze immaginabili sulla qualità della vita dei piccoli e delle loro famiglie.

A Misurina, dove sorge l’Istituto “Pio XII” Onlus, condizioni climatiche peculiari garantiscono una ridotta esposizione agli inquinanti ambientali e anche agli allergeni (acari e pollini), cioè due tra le condizioni più importanti per il successo della terapia del bambino con asma. La più recente relazione dell’ARPA (Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale) del Veneto certifica infatti l’ottima qualità dell’aria a Misurina.

Durante il soggiorno terapeutico al “Pio XII”, l’assenza di inquinanti nell’aria respirata riduce l’infiammazione polmonare e consente un migliore controllo e una più sicura sospensione della terapia di fondo nel bambino asmatico o con respiro sibilante. Tant’è vero che, i bambini entrati a Misurina con uno scarso controllo dei sintomi asmatici, al momento di tornare a casa sperimentano spesso un netto miglioramento dei sintomi (riducendo o addirittura sospendendo la terapia inalatoria di fondo). E a distanza di tre mesi dalla dimissione, il controllo dell’asma resta buono anche a casa ed è molto spesso possibile ridurre il dosaggio dei farmaci.

Scopri di più sulle attività dell’Istituto “Pio XII” Onlus di Misurina

 

Riferimenti

  • Indagine sulla qualità dell’aria Comune di Auronzo Località Misurina. Novembre 2010.
  • Lewis TC et al. Sci Total Environ 2013;448:48-55.
  • Zora JE et al. Sci Total Environ 2013;448:56-65.