Soggiorno ad alta quota all'Istituto Pio XII

I vantaggi di un soggiorno in alta quota. A Misurina

Nei bambini con respiro sibilante ricorrente o con asma, l’inquinamento legato al traffico delle grandi città aumenta l’iperreattività bronchiale, cioè l’eccessiva risposta dei bronchi agli stimoli irritativi, e contribuisce allo sviluppo di riacutizzazioni e di infezioni respiratorie. Non solo: l’esposizione continua e ripetuta ad allergeni e inquinanti riduce anche la risposta al trattamento farmacologico dell’asma.

L’asma è la malattia respiratoria più diffusa, anche e soprattutto nei bambini. In Italia, ne soffre in media circa il 10% della popolazione pediatrica, ma i numeri sono più alti nelle grandi città e nelle aree metropolitane. L’aumento della concentrazione di particolato sottile e altri inquinanti nell’aria dei grandi centri urbani e nelle zone di produzione industriale, contribuisce infatti ad aumentarne ulteriormente la diffusione e il rischio che diventi cronica, soprattutto nei bambini in tenera età, più vulnerabili agli agenti inquinanti e agli allergeni, anche perché i loro polmoni e lo stesso sistema immunitario sono ancora in via di maturazione.

È stato dimostrato che il trattamento ad alta quota migliora tutti i parametri clinici e funzionali, e diminuisce il ricorso ai corticosteroidi per via orale nei bambini con asma grave refrattaria, indipendentemente dalla sensibilizzazione allergica. Sul piano pratico, questo beneficio si concretizza in un significativo miglioramento nel controllo dell’asma, anche nelle persone non-allergiche, ottenuto al termine di un soggiorno di 12 settimane tra le vette delle Dolomiti, – nel Centro “Pio XII” per la diagnosi, la cura e la riabilitazione delle malattie respiratorie pediatriche, – raggiungendo la sospensione del trattamento con steroidi nel corso del soggiorno in circa il 40%, dei piccoli pazienti e la riduzione media del 50% nel dosaggio dei farmaci negli altri.

 

Fonti e riferimenti:

  • Sestini P, De Sario M, Bugiani M. Epidemiol Prev 2005;29(2 Suppl):24-31.
  • Rijssenbeek-Nouwens LH et al. Eur Respir J 2012 40:1374-1380.
  • Charpin D. Eur Respir J. 2012 Dec;40(6):1320-1321.